GIORNATA DELLA MEMORIA (una informazione nuova per molti)

January 22, 2015

Eccoci prossimi alla giornata della memoria. Il 27 gennaio. E coinvolti e stimolati  dalla Fondazione Sangiorgio aderiamo al ricordo di Gerardo Sangiorgio (1921-1993). Un modo per mantenere l’impegno, vivo.

Passare l’8 settembre pensando ad essere coinvolto in una inaspettata libertà nonostante l’essere alla scuola di applicazione di fanteria  di Parma e rendersi conto di essere stato invece posto repentinamente spalle al muro con i fucili spianati dei militari tedeschi e di marciare alla stazione per essere deportato al lager di Bonn e successivamente a lavorare in qualità di schiavo a Düisdorf alla Magnetfabrik  è la didascalia del pezzo di vita di Gerardo Sangiorgio. Nato nei pressi di Caserta nel 1921 frequenta le scuole in Sicilia, a Catania e ad Adrano. La sua vita trascorre poi a Biancavilla. La guerra lo coglie appena iscritto all’università e finisce sul fronte greco. Il rimpatrio per grave malattia, a Parma appunto. E la sua esplicita volontà di non aderire alla repubblica di Salò decretò la sua deportazione.  Riuscì a mantenersi in vita, grazie alla sua fede, sicuramente, e poi, tornato a casa, a laurearsi. Insegnò e scrisse poesie. Oggi con una pubblicazione lo si ricorda insieme alle sue memorie di Prigionia dai Lager.  Il comune di Biancavilla lo ricorda e nel suo nome la Fondazione  cura la pubblicazione dei suoi scritti e delle sue poesie. A Gerardo Sangiorgio dobbiamo lo stimolo a non dimenticare che “ non si capisce il motivo per cui il martirio di ben seicentomila soldati italiani, per vari lustri, è stato tenuto in ombra e solo da un po’ di anni a questa parte la più obiettiva e accreditata storiografia rende giustizia a quanti dopo il famoso 8 settembre 1943 diedero testimonianza, pur disarmati, di alto eroismo spirituale, negandosi alla collaborazione con i Tedeschi”.

RICORDI DI PRIGIONIA

Sul motivo della canzone “Dorme Firenze”, noi I.M.I. cantavamo:

Baracche adornate di fili spinati e pungenti,

le guardie vicino ai cancelli sorveglian le genti.

Raccolti da barbari infami,

trattati da cani,

noi siamo quassù.

Le nostre famiglie lontane

notizie non hanno,

in pensiero si sta.

Ci hanno rinchiusi in un concentramento,

e siamo a cento a cento

a soffrire, perché?

Dormir per terra, scalzi e nudi come cani!

Chissà per quanto ancora dureranno questi affanni.

La nostra partenza, al paese, fu un grande lamento:

le donne, ragazze e bambini, parlavano piangendo.

Nessuno di noi ha potuto donare un soldo

alla mamma e al papà

Partiti da veri briganti

per quei delinquenti che non han pietà.

 

Dipinto di Zoran Music

 

 

Please reload

Featured Posts

CULTURA DI COMUNITA'

August 15, 2014

1/3
Please reload

Recent Posts

September 2, 2018

June 14, 2018

May 30, 2018

Please reload

Search By Tags
Please reload

Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

© 2014 by Iziativa Europea - Associazione Non Profit - sede: Via Commerciale, 26 -34134 Trieste C.F. 9101860312

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic
  • RSS Classic