Sono 5 milioni gli italiani che devono fare i conti con la non autosufficienza (4 direttamente. Oltre a 1milione di caregiver), ma solo poco più del 5% di loro può oggi contare su servizi di assistenza domiciliare pubblica. Dal rapporto IRCCS - INCRA per l'Agenzia nazionale per l'invecchiamento (uscito in volume per le edizioni Maggioli, scaricabile da web.

January 29, 2015

FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE: 
NOTA ESPLICATIVA

«Fondo per le non autosufficienze» questo sconosciuto. L’animata discussione sulle risorse previste dallalegge 296 del 2006 (articolo 1, commi 1264 e 1265) torna alla ribalta ogni anno in occasione dell’approvazione della legge finanziaria (quest’anno i 400 milioni di euro del Fondo sono stati prima annunciati, poi ridotti, infine confermati). Ma spesso, sia tra gli utenti sia tra le associazioni, c’è confusione sul corretto utilizzo di questi fondi e sulle prestazioni coperte da queste risorse. Facciamo chiarezza, spiegando nel dettaglio come il Fondo per le non autosufficienze – erogato dallo Stato e destinato esclusivamente ai Comuni – non costituisca affatto il solo canale di finanziamento delle prestazioni riservate alle persone non autosufficienti, e nemmeno il più consistente, che dovrebbe essere il Fondo sanitario nazionale, in base a quanto previsto dalle leggi, ma in larga parte disatteso.

Partiamo dai Livelli essenziali di assistenza sanitaria e socio-sanitaria (i Lea, definiti dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 29 novembre 2001, le cui norme hanno forza di legge in base all’articolo 54 della legge 289/2002).

Essi stabiliscono che sono a carico del Fondo sanitario nazionale le prestazioni socio-sanitarie domiciliari, semi-residenziali (centro diurno) e residenziali (per esempio ricovero in Rsa – Residenza sanitaria assistenziale – per anziani malati cronici non autosufficienti). Per queste prestazioni è fissata una quota del costo totale che viene coperta dalla sanità: nel caso delle cure domiciliari, per esempio, è coperto dall’Asl il 100% delle cure mediche, infermieristiche e riabilitative, più il 50% del costo dell’assistenza programmata a domicilio per le «prestazioni di aiuto infermieristico e assistenza tutelare alla persona»; nel caso di ricovero in Rsa di pazienti anziani malati cronici non autosufficienti la sanità è tenuta a coprire almeno il 50% della retta. Tutte prestazioni – diritti esigibili – che non possono essere negate con il pretesto della scarsità di risorse.

Per la parte non coperta dal Fondo sanitario nazionale gli utenti devono contribuire sulla base delle loro personali risorse economiche (redditi e beni) dedotti gli eventuali oneri relativi agli obblighi di legge (ad esempio per il mantenimento del coniuge o di altre persone a carico).

E il “nostro” Fondo per le non autosufficienze? Solo per la parte non coperta né dal Servizio sanitario nazionale, né dagli utenti, intervengono i Comuni con le risorse del Fondo nazionale per le non autosufficienze. Lo specifica il decreto di riparto del Fondo tra le varie Regioni italiane: gli interventi finanziati «non sono sostitutivi, ma aggiuntivi e complementari a quelli sanitari».

In violazione della legge, però – ha segnalato ancora recentemente il Csa – Coordinamento sanità e assistenza fra i movimenti di base con sede a Torino – «ci sono Regioni (a titolo d’esempio Lazio, Lombardia, Umbria e parte del Piemonte) che erogano alle persone non autosufficienti solo le risorse del Fondo per le non autosufficienze, senza traccia di quelle sanitarie». Ecco una stima del Csa: «A fronte di un costo giornaliero delle prestazioni domiciliari di “aiuto infermieristico e assistenza tutelare alla persona” di 60 euro (importo approssimativo), le Asl devono versarne 30. Dei rimanenti 30 se, in base ai propri redditi, l’utente può contribuire nella misura di 20 euro, i Comuni devono intervenire con i restanti 10. Analoga è la ripartizione dei costi per le prestazioni residenziali», seppur colpevolmente omesse dal decreto di riparto. Pertanto, il Fondo sanitario nazionale deve erogare finanziamenti per un importo tre volte più consistente delle somme erogate dai Comuni.

A fronte dei 400 milioni del Fondo per le non autosufficienze 2015, le Asl devono corrispondere una somma di 1 miliardo e 200 milioni. La situazione in Piemonte, dove 32mila persone non autosufficienti sono in illegittima lista di attesa, è analoga: a fronte di uno riparto del Fondo per le non autosufficienze di 27 milioni, le Asl ne dovrebbero corrispondere un’ottantina (!).

Dove sono questi soldi?

 

www.fondazionepromozionesociale.it

 

 

 

Please reload

Featured Posts

CULTURA DI COMUNITA'

August 15, 2014

1/3
Please reload

Recent Posts

September 2, 2018

June 14, 2018

May 30, 2018

Please reload

Search By Tags
Please reload

Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

© 2014 by Iziativa Europea - Associazione Non Profit - sede: Via Commerciale, 26 -34134 Trieste C.F. 9101860312

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic
  • RSS Classic