Cerca
  • augudebe

DECIMA MUSA 2013/14

La conclusione del progetto X Musa 2013-201

La povertà contrastata con la cultura

quando un progetto crea relazioni anche nella povertà più aspra

Nel 2012 (primo progetto) eravamo partiti con l'idea che “ci si può sentire se stessi solamente se ci si sente riconosciuti, rispecchiati, visti, accolti, appartenenti a qualcosa”. i è deciso di continuare la nostra passeggiata di rispecchiamento e di accoglienza assieme a quelle famiglie, seguite dal Servizio Bambini, Adolescenti, Donne, Famiglia dell’Azienda Sanitaria Triestina che avevano beneficiato dei progetti precedenti, allargando ulteriormente l'esperienza ad altri nuclei. Rinnovare l'impegno preso con le famiglie e i ragazzi è stato molto importante. Anche quest'anno ognuno ha partecipato mettendo in gioco quelle parti di sé che desiderava condividere con gli altri; ognuno ha dato il proprio apporto con modi, modalità e tempi personali: alcuni hanno condiviso silenziosamente, altri gridando, alcuni hanno preferito condividere qualche goccia, altri hanno riversato nel gruppo i propri fiumi di parole. “Sentirsi se stessi per sentirsi qualcuno” è ormai l'indiscutibile motto di questa nostra X Musa. il principale obiettivo è stato quello di garantire ai partecipanti la possibilità di vivere una variegata serie di esperienze sul territorio permettendo di condividere del tempo qualitativamente positivo, per ovviare al problema della solitudine, del disagio e della povertà. Quest'anno sono stati formati 2 gruppi, (mamme-bambini; adolescenti), per creare non solo omogeneità al loro interno (gruppo mamme-bambini e gruppo adolescenti), ma per garantire al tempo stesso, ancora di più rispetto agli anni scorsi, una varietà, anche numerica, di persone (simili fra loro, ma con sfumature variegate) per dare la possibilità ai singoli di osservarsi all'interno di una piccola rete sociale che potesse diventare di riferimento. ncora una volta la presenza costante delle famiglie e soprattutto dei ragazzi è stata la prova tangibile dell'importanza e della valenza di questo intento. Rispetto agli anni scorsi abbiamo trovato bambini, famiglie, adolescenti cresciuti, maturati nel loro percorso di individui e nella loro capacità di stare nel gruppo e di fare gruppo.

Il punto di ritrovo e il punto di arrivo per i saluti è sempre stata per tutti i nostri appuntamenti la fontana del Viale XX Settembre: fissa, con la pioggia, il sole o il vento; sempre uguale nelle stagioni. E noi eravamo lì: “alla fontana, naturalmente”.

“Esserci”; esserci incondizionatamente; esserci senza attese e senza giudizio; esserci con le nostre piccole regole di convivenza, le nostre semplici “boe”, chiaro punto di riferimento per tutti.

Esserci: questo è il valore della nostra X Musa.

Azioni svolte col gruppo (a): conoscersi (nelle gelaterie); salti e capriole con i gonfiabili; il cinema dove l’immedesimarsi si trasforma in narrazione nel feedback di gruppo; incontro con le mamme sotto le festività natalizie per pensare e materializzare regalini; al teatro dei Fabbri dove i piccoli con le mamme diventano spettatori e protagonisti; casa della musica per impostare un’educazione musicale; al teatro Orazio Bobbio per ‘il folletto mangia sogni’ e ‘ti racconto una fiaba’,,, una “borsa dono” con nuovo materiale didattivo e scolastico per i bimbi e con l’augurio sentito di un arrivederci!

Azioni svolte col gruppo (b): conoscersi alla struttura ASS triestina; poi al TNT pub dove impariamo ad essere avventori accorti e per bene; al cinema dove con i film si impare a vivere e convivere con le diversità e magari smuovere la coscienza sociale e affettiva; pizza e bowling con l’aiuto di altri e costruzione della potenzialità di legami affettivi e interpersonali di gruppo; alla libreria Lovat dove si impara a sfogliare libri e prenderne uno che piace e spiegare e raccontare il senso delle letture; l’autobus turistico per conoscere il paesaggio della città e la sua storia; e tutti al musical al grande teatro Rossetti; un arrivederci con i buoni libro!!!

Costi sostenuti: 6.402,51 € - col contributo della Regione Friuli Venezia Giulia / Servizio Associazionismo/Volontariato,

A.D.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

UN NUOVO E GRAN BEL LIBRO DI CLAUDIO GRISANCICH

Claudio Grisancich LES ITALIENNES Commento pittorico Patrizia Bigarella Mercoledì 24 ottobre ore 18.00 alla Libreria Lovat, in viale xx settembre 20 a Trieste, presentiamo il volume Les Italiennes -

© 2014 by Iziativa Europea - Associazione Non Profit - sede: Via Commerciale, 26 -34134 Trieste C.F. 9101860312

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic
  • RSS Classic